MOBILITA’ E SOSTENIBILITA’, IL TEMA DELLA MAIN CONFERENCE DI ECOMONDO OSPITATA DA H2R-MOBILITY FOR SUSTAINABILITY

Mobilità e sostenibilità

Mobilità e sostenibilità”, leggibile anche come “mobilità è sostenibilità”. Il tema dell’edizione 2015 di H2R individua nella mobilità sostenibile una linea guida prioritaria nella creazione di una società sorretta da un’economia sostenibile: grazie al suo potenziale sociale, economico ed ambientale si presta ad un confronto costruttivo con tutti gli attori presenti a Ecomondo.  Oggi  nella hall centrale di H2R – Mobility for sustainability l’edizione zero della “main conference di Ecomondo” moderata da Fabio Orecchini, ideatore e presidente del comitato scientifico di H2R – Mobility for sustainability,  ha promosso un interessante incontro-confronto tra i responsabili di aziende automotive e quelli di imprese che si occupano di tecnologie ambientali, ossia tra i principali espositori di Ecomondo, Key Energy e Città sostenibile e i partner di H2R, per individuare le reali opportunità dell’economia sostenibile.

Ha aperto i lavori uno studio commissionato alla IASS – Italian association for sustainability science – realizzato per la manifestazione dal titolo “Cos’è la sostenibilità” presentato da Francesca Farioli direttrice dell’Associazione che ha definito la sostenibilità come co-creazione: armonica interazione tra Accademia, Istituzioni, società e Industria per attuare un processo di transizione verso la sostenibilità. Non c’è prodotto che possa oggi essere realizzato con ambizioni di sostenibilità senza un coinvolgimento attivo di tutte le componenti citate. Sostenibilità è co-creazione come dimostrato da tutti gli interventi delle aziede presenti alla main conference.

A seguire, la prima sessione di interventi ha incrociato testimonianze Automotive, dell’ elettronica di consumo e dall’industria manifatturiera in un’ottica sempre più sostenibile.
Gabriele Aimone Cat – Media Relations BOSCH, azienda con una forte componente di ricerca, sviluppo e sostenibilità in tutte le aree di operatività con 5 mld €/anno investiti in ricerca; da quest’anno la divisione automotive, una delle principali dell’azienda, si chiama “Bosch Mobility Solution” e prevede un’espansione dell’elettrificazione del l 15% dei veicoli nel prossimo decennio.
Flavio Attramini – Head of business sales EPSON ITALIA, ha evidenziato il grande cambio tecnologico verso una migliore sostenibilità data dal passaggio dalla tecnologia a laser tradizionale alla tecnologia inkjet (riduzione del 95% di consumo di energia e dunque minor emissione di C02).
Andrea Del Campo – Chief Press Officier FORD – ha illustrato il progetto “Ford Smart Mobility”, 25 esperimenti globali per le Smart City ed una map sperimentale che in un ‘ottica di intermodalità permette di ottimizzare gli spostamenti tramite una app che consente di individuare in tempo reale il possibile mix di mezzi di trasporto in un percorso mirato.
Vincenzo Graepel – Vice Presidente GRAEPEL ITALIANA SPA – azienda specializzata in lamiere forate, presenti in molteplici realtà della nostra quotidianità, ma anche in oggettistica e design in alluminio riciclato ha individuato la sostenibilità come elemento necessario per lo sviluppo di ogni attività industriale.

La seconda sessione ha sviluppato un confronto sulle tecnologie a disposizione nella mobilità attuale.
Andrea Carlucci – AD TOYOTA –  presente a H2R con l’anteprima dinamica della Mirai, auto a idrogeno con celle a combustibile prodotta in serie, ha spiegato che dietro all’idrogeno Toyota ha un piano di ampia evoluzione ed invita ad un dialogo aperto con gli altri attori (5 Case auto investono attualmente nell’idrogeno: Bmw, Honda, Hyundai, Mercedes e Toyota) per ottenere infrastrutture adeguate anche in Italia. H2 Alto Adige è un ‘eccellenza italiana, non deve restare una realtà isolata, l’appello va alle istituzioni italiane ed alla filiera della componentistica che dovrà a breve legarsi a tecnologie più evolute e può cogliere l’opportunità dell’idrogeno.
Alberto Sabatino  – EV Business Unit Director NISSAN ITALIA –  parla di mobilità elettrica a 360° con la  nuova Leaf MY 2016 presente in anterprima statica a H2R e dei vantaggio della mobilità elettrica nel contentesto dell’urbanizzazione dei nostri centri, senza dimenticare che è sempre più una tecnologia accessibile. Nei piani di Nissan la seconda vita delle batterie (4R ENERGY e Sumitomo), l’integrazione con la rete energetica (joint venture con Enel e Endesa) e la guida autonoma.
Corrado Storchi – Public Affairs Director LANDI RENZO –  azienda leader mondiale per distribuzione di gpl e metano  ha allargato la ricerca ad altre tecnologie : è presente a H2R con un mezzo a diesel e metano e da anni si è avvicinata all’idrogeneo, studiando un componente adatto per le vetture fuel cell.

Giovanni Pede – Responsabile Laboratorio Sistemi e Tecnologie per la Mobilità di ENEA, Ente pubblico che sviluppa tecnologie per la tutela e il miglioramnteo della salute umana ha illustrato i recenti sviluppi nelle ricerche sulle batterie e sulla compatibilità elettromagnetica dei futuri sistemi di ricarica wireless.

La terza ed ultima sessione ha sviluppato un confronto sui temi di economia circolare e riutilizzo.
Giovanni Corbetta – Direttore Generale ECOPNEUS – ha parlato di sicurezza e sostenibilità ricordando il rischio degli pneumatici consumati  e di quelli abbandonati alla fine del ciclo di vita; fortunatamente dal 07/09/2011 vi è una normativa specifica per tutelare il ciclo di vita degli pneumatici e Ecopneus da 4 anni gestisce e ha recuperato un milione di tonnellate di pneumatici poi destinati ad altri utilizzi (ad esempio bitume dei manti stradali).

Mariangela Del Vecchio – BMW i Manager – ha ricordato  l’acquisto di oltre 600 unità  dal lancio in Italia tra Bmw i3 e i8 a testimonianza di una clientela sempre piu attenta  e sostenibile. La tecnologia di trazione elettrica sviluppata sulle BMWi  ora vengono applicate a nuovi modelli come sulla  Bmw X5  in  anteprima dinamica a a H2R. Il marchio BMW born electric segue un concetto di mobilità sostenibile a partire  dalla  prima fibra di carbonio (statunitense) fino ai servizi utili al cliente finale : è un eco sistema  completo tramite i servizi di connettività e le app di informativa.
Mario Franco Fadda – responsabile macro area Nord Est  ENEL ENERGIA – ha ricordato che oggi è possibile investire con fiducia nella mobilità elettrica italiana (unica rete al mondo completamente digitalizzata grazie ai contatori elettronici Enel)  che dispone di un’ infrastruttura di ricarica completamente connessa ed interattiva che tramite smart card tiene informati i clienti sul sistema e le dinamiche di utilizzo.

Adriano Santiangeli – CARe (Centre for Automotive Research and evolution) – ha illustrato tre tipi di ricerche sui cicli di marcia reali (per evidenziare il vero consumo di un veicolo in un determinato percoso ed il risultato è un ciclo frastagliato con accelerazioni e frenate) e nel ciclo di omologazione ( rilevazione teorica con un ciclo molto regolare). Lo stile di guida può aumentare i consumi anche del doppio. Mentre nel comportamento reale su strada risulta particolarmente evidente come la tecnoligia ibrida consenta di “limitare” i maggiorni consumi provocati da uno stile di guida non corretto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi